domenica 22 novembre 2015

Cambio stagione

Ogni tanto ci penso a questo posticino, a quando ho tirato su le sue mura, al tempo che mi sembrava "quello giusto". Come quando entri in una nuova casa, la vuoi fare tua, vuoi appenderci i tuoi quadri, riempirla con le tue cose... sarà tua quando riuscirai a metterci dentro la tua vita passata e presente, lasciando lo spazio necessario per quella futura. Io è così che pensavo di fare con questo posto. Poi sono cambiati i tempi ed i luoghi, sono cambiate le persone e le abitudini, ma soprattutto sono cambiate le priorità. Ma i bisogni? Sono cambiati anche quelli? No perché a volte penso che mi farebbe bene venire qui ad appendere una tendina, aggiungere un libro sulla mensola; i luoghi sono come i rapporti, se non li frequenti/alimenti, quelli poi non ti appartengono più. A me i pensieri fanno il tagatà in testa, se li ordino qui, come fossero calzini nei cassetti, poi li ritrovo prima. Li acchiappo più in fretta... non me li perdo più.
Primo cassetto del comodino, in basso a sinistra:
Tutti i colori, tutti mischiati tra loro mentre rotolo giù dal gonfiabile. E' enorme, o sono io molto piccola. Ho delle calze di lana rosa con dei fiorellini bianchi, mi tiro giù la gonnina con le mani, le nocche bianche per l'impegno che ci metto a non farla scappare. Mi lancio testa giù, rosso/cielo azzurro...giallo/cielo azzurro...verde/cielo azzurro...fuxia/cielo azzurro... lui/lei/cielo azzurro. Il fiatone forte e la risata adrenalinica "posso farlo ancora?". E' lei che mi risponde "certo!".., ha un sorriso bianchissimo e dei riccioli rossi/marroni che sbattono un po' con il rossetto fuxia. Ma il suo sguardo è sincero, la sua felicità autentica, autentica e precaria come la mia. La serenità di entrambe appesa al medesimo filo invisibile: lui. Lei già arresa a ciò che non si può cambiare, io estranea alla logica dei rapporti umani... ma con le stesse identiche sensazioni, la stessa spregiudicata consapevolezza.
Dei gonfiabili hanno riportato a galla questo lontanissimo ricordo, talmente frammentario e sbiadito da non potervi aggiungere altro. Come mi capita sempre, più che i fatti, sono le sensazioni che tornano a galla. Passato lo stupore del ricordo mi sono chiesta dove fosse ora quel sorriso, lei si chiamava Grazia. Chissà se Grazia ha trovato la serenità per sorridere sempre in quel modo stupendo... 

9 commenti:

  1. Grazia starà facendo volare aquiloni da qualche parte, c'è un bel vento lì fuori

    RispondiElimina
  2. Quei calzini lì mi ricordano una bimba in altalena.
    Sono sicuro, ne ho avuto la prova, che sai arredare qualsiasi "casa" con la cosa migliore che tu possa metterci: te stessa.

    RispondiElimina
  3. e, come qualcuno disse, mi chiedo se il ricordo sia qualcosa che abbiamo, o qualcosa che abbiamo perso per sempre.

    G.

    RispondiElimina
  4. Come sempre questo post si legge tutto d'un fiato! Tu puoi cambiare tutto quello che vuoi amica mia, ma quello che hai dentro come la matti metti è sempre forte, caldo e tenero alla stessa maniera. Spero di poterti rivedere quest'anno, l'anno scorso ci siamo andati molto vicino :-) Buon anno un bacio

    RispondiElimina
  5. Non è facile descrivere i ricordi e soprattutto le sensazioni che lasciano, ma anche questa volta ci sei riuscita benissimo.

    RispondiElimina
  6. Perchè sono sempre le anime belle, quelle che vorresti sempre attorno, quelle in cui ti ritrovi a sparire e a lasciarti l'amaro in bocca?
    Io però torno di tanto in tanto... chissà forse un giorno...

    RispondiElimina
  7. Penso spesso a questo posticino, a tutte le cose belle dette/scambiate/condivise... poi la vita mi divora e ti mando dell'ennesimo giorno.
    Cara Francesca, in qualche modo mi hai riportato Qui, non ci tornavo da un bel Po. Grazie :) e tu, cara, stai fotografando in giro per il mondo?

    RispondiElimina
  8. *rimando...dell'ennesimo giorno :)

    RispondiElimina

You can say it here ... or even to think