martedì 11 febbraio 2014

Le cose che contano

La luce gialla, quella che “abita” la casa. Quella che illumina il quadro vivo, in movimento. Tutto scorre dentro una finestra, tutto può essere il sunto perfetto, completo, di un'intera esistenza.
I capelli non sono mai in ordine, li tira dietro, li imprigiona nel fermaglio di metallo. E' una sorta di autopunizione, un rimprovero costante a se stessa, per non riuscire ad essere “in ordine”, per non essere “perfetta” come la tipa del terzo piano (le donne che dominano l'umidità ed il tempo attraverso i loro capelli, sono davvero insopportabili). Non sa di essere bella e, probabilmente, se ne fosse consapevole, smetterebbe di esserlo. La bellezza sta in quelle cose vere, delicate e inconsapevoli. Parla al canarino che abita nella gabbia verde, sgrana gli occhi davanti la televisione, sorride al figlio. Sempre. La sera, quando la luce gialla chiude gli occhi, fuma la sua sigaretta appoggiata con i gomiti sul davanzale. E canta. Lo fa piano, ma con chiarezza... una bimba canta la canzone antica della donnaccia, quello che ancor non sai tu lo imparerai solo qui tra le mie braccia”... Ha passato la sua vita a non far rumore, ed è riuscita a smuovere grandi cose. I suoi giorni sono andati “storti”- come i suoi passi - uno dopo l'altro, e la sua fermezza non ha vacillato mai.

E' giovane, è sola, è l'equilibrio più azzeccato che la natura sia riuscita a creare.

12 commenti:

  1. Una storia di precariato emozionale (?).

    G.

    RispondiElimina
  2. Senza far rumore squarciando il buio...
    ...chi se ne è accorto durante?

    RispondiElimina
  3. lo star soli, serve, come no :*)
    ma l'essere umano non è nato per stare solo.

    il doppio di sei? ..siamo

    RispondiElimina
  4. bello fumare la sigaretta appoggiati al davanzale della finestra :-)

    RispondiElimina
  5. Ha passato la sua vita a non far rumore, ed è riuscita a smuovere grandi cose

    Alla fine gli alberi diventano maestosi ma non fanno rumore diventandolo, no?

    (De Andrè è sempre De Andrè, ma io sono fortemente di parte)

    RispondiElimina
  6. bellissima donna :) dentro e fuori **

    la bellezza, poi, sì...sta nelle "cose vere, delicate e inconsapevoli" la consapevolezza toglie spontaneità... ed amo altresì l'imprecisione,ci consente di essere noi stessi nel bene e nel male, di crescere, migliorare, evolvere, metterci in discussione e tanto altro... e poi...

    "Siamo belli perché siamo pieni di difetti, non perché siamo onnipotenti, ma perché siamo fragili, perché ci tremano le gambe, perché siamo goffi, perché abbiamo paura, perché abbiamo bisogno d'amore, per questo siamo belli."

    Nichi Vendola

    e poi ancora...

    Amo i gesti imprecisi,
    uno che inciampa, l’altro
    che fa urtare il bicchiere,
    quello che non ricorda,
    chi è distratto, la sentinella
    che non sa arrestare il battito
    breve delle palpebre,
    mi stanno a cuore
    perché vedo in loro il tremore,
    il tintinnio familiare
    del meccanismo rotto.

    L’oggetto intatto tace, non ha voce
    ma solo movimento. Qui invece
    ha ceduto il congegno,
    il gioco delle parti,
    un pezzo si separa,
    si annuncia.

    Dentro qualcosa balla.

    ~ Valerio Magrelli ~

    RispondiElimina
  7. "Non sa di essere bella e, probabilmente, se ne fosse consapevole, smetterebbe di esserlo" anche questo è molto bello, ma non diciamoglielo. Anzi, facciamolo, và, tanto continuerà ad esserlo comunque.

    RispondiElimina
  8. Scrivi poco ma pensi e vivi molto.

    RispondiElimina
  9. Una storia tipica delle tue, tra la malinconia e il disincanto...

    RispondiElimina
  10. @La ballata di Stroszek: Di quelle che ti fanno vacillare una vita senza perdere mai, completamente, l'equilibrio emotivo :)

    @Tandoori: C'è voluto tempo perchè se ne accorgessero in molti, c'è voluto un attimo perchè se ne accorgesse l'unica creatura che le stesse davvero accanto.

    @En Joy: Si, "siamo" (con qualità) è sicuramente meglio di "sei"...

    @Charlie: Dettagli che solo i fumatori possono comprendere no?! :)

    @Baol: Proprio così Mimmo, le cose che smuovono la sostanza sono sempre quelle più ferme fuori. E' un movimento concentrico tutto interiore.

    @Alba: Regali sempre frasi bellissime, è un piacere immenso leggere i tuoi commenti Elena. Ti abbraccio forte

    @Ernest: Ciao :)

    @pesa: Oh si pesa, per me lo sarà sempre. La più bella di tutte.

    @Gio: Decisamente si, il mio cervello non si da pace amico mio :)

    @Alligartore: Grazie Diego :)

    RispondiElimina
  11. e tu le ispiri.... :)*

    poetica fanciulla

    RispondiElimina

You can say it here ... or even to think